Tu sei qui

Aggiornato il: 21 Giugno 2019

Vini varietali e/o con annata

I vini “varietali” sono quei vini per i quali è possibile indicare in etichetta il vitigno (o i vitigni) e/o l’annata di produzione, senza alcuna indicazione territoriale.
La loro produzione è prevista dalla normativa che regolamenta l’organizzazione comune di mercato nel settore del vino. Le varietà di uve utilizzabili in Italia nel riferimento in etichettatura dei vini varietali fermi che non sono DOC-IGT è ristretta ad alcuni vitigni:

  • Cabernet;
  • Cabernet Franc;
  • Cabernet Sauvignon;
  • Chardonnay;
  • Merlot;
  • Sauvignon;
  • Syrah.

La Camera di Commercio di Trento è Autorità pubblica idonea a svolgere il controllo e la certificazione sull’intero processo di produzione anche dei vini varietali. La certificazione delle produzioni è requisito essenziale per la successiva immissione al consumo.

Soggetti interessati e procedura
Per maggiori dettagli sui soggetti abilitati e le procedure di controllo consulta la tabella.

Organismi abilitati
I soggetti utilizzatori (imbottigliatori) che intendono commercializzare prodotti vitivinicoli confezionati, rientranti nella categoria dei “vini varietali”, sono tenuti a sottoporli al controllo da parte di una delle autorità di controllo riconosciute dal Ministero delle Politiche agricole (vedi elenco). Per assoggettarsi all'Organismo di Controllo della CCIAA di Trento, per i suddetti vini varietali, il cliente deve compilare il modulo apposito presente in fondo alla pagina oppure nella sezione "moduli".

Ti è stata utile questa pagina?: